SEI IN > VIVERE FORLì > CRONACA
articolo

Gravi carenze igienico sanitarie e lavoratori in nero: oltre 10 mila euro di multa per un ristorante del centro storico

1' di lettura
24

Ammonta a questo il bilancio dell’attività per irregolarità ed inadempienze dal punto di vista igienico che amministrativo.

I controlli eseguiti lo scorso weekend nel centro storico della città mercuriale, disposti dal Comado Provinciale dell’Arma di viale Mazzini, sono stati eseguiti dai carabinieri della Compagnia cittadina, unitamente ai colleghi del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Bologna e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Forlì.

Sono emerse gravi carenze igienico sanitarie a carico di un ristorante del centro storico dove, gli uomini del NAS, hanno trovato un frigorifero con all’interno alimenti in deterioramento e scaduti e la cucina in disordine con sporco accumulato già da tempo.

I militari del NAS hanno posto la loro attenzione sul trattamento e conservazione degli alimenti oltre che alle condizioni igienico sanitarie dei locali, apparse decisamente precarie. I colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro invece, oltre ad aver accertato l’impiego di lavoratori in nero e sottopagati, hanno verificato i requisiti ai fini della sicurezza, per i quali è in corso l’esame dei documenti di valutazione dei rischi - obbligatorio per legge - a garanzia della sicurezza dei lavoratori.

Per il titolare del ristorante, ovviamente, è scattata la segnalazione al competente ufficio dell’A.S.L. Romagna che emetterà delle prescrizioni sanitarie a carico degli stessi, la cui inosservanza comporterà la sospensione delle attività. Dal comando di viale Mazzini fanno sapere che i controlli proseguiranno anche nelle settimane a venire perché, la sicurezza alimentare e dei lavoratori, è uno dei tanti obiettivi che l’Arma dei Carabinieri intende perseguire in questa provincia.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Forlì.
Per Telegram cercare il canale @vivereforli o cliccare su https://t.me/vivereforli
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/vivereforli/ e Twitter: https://twitter.com/VivereForlì


Questo è un articolo pubblicato il 17-05-2024 alle 11:51 sul giornale del 18 maggio 2024 - 24 letture






qrcode