SEI IN > VIVERE FORLì > ATTUALITA'
comunicato stampa

Dopo la malattia, la rinascita: all’Ospedale di Forlì una mostra fotografica

3' di lettura
20

Una mostra, oltre 30 fotografie scattate da pazienti oncologici e non, un unico obiettivo: raccontare la propria personale rinascita dopo la malattia o un momento difficile, e dare un segno di speranza alle donne affette da tumori ginecologici.

La mostra “Scatta la rinascita”, a cura di Loto Odv, è allestita a Forlì presso l’Ospedale Morgagni-Pierantoni nella “piazza” del Padiglione Morgagni, dove rimarrà fino al 21 marzo. Si sposterà poi nei Day Hospital dei reparti di Ginecologia Oncologica di altri ospedali italiani dove è attiva l’associazione

La diagnosi di un tumore ginecologico (utero, ovaio, cervice, vulva, vagina) in Italia interessa circa 18mila donne l’anno, solo di tumore all’ovaio in Emilia-Romagna ci sono circa 450 nuovi casi l’anno: è un’esperienza che lascia ferite, nel corpo e nell’anima. Ma può essere anche un punto di svolta dal quale si può rinascere: attraverso il confronto con medici e psicologi, le cure adeguate, la condivisione di esperienze e il supporto delle associazioni.

La possibilità dare un senso nuovo alla propria vita dopo lo spartiacque della malattia è il fil rouge della mostra “Scatta la rinascita”, allestita da oggi fino al 21 marzo presso l’Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì nella “piazza” del Padiglione Morgagni, grazie all’associazione Loto Odv. Si tratta di una mostra itinerante che fa tappa negli ospedali italiani dove è attiva Loto: dopo il debutto a Bologna – a Palazzo d’Accursio e al Policlinico Sant’Orsola – e l’allestimento a Roma presso il Policlinico Universitario Gemelli, ora è la volta di Forlì, a cui seguiranno l’Ospedale degli Infermi di Rimini, gli Ospedali Riuniti di Ancona, l’Ospedale Maggiore di Parma e l’Ospedale Civico di Palermo.

Trentaquattro fotografie con soggetti molto diversi - cicatrici, un neonato al primo vagito, un tramonto, fiori, bianco e nero, colori - ma con un unico messaggio di speranza e incoraggiamento. L’esposizione nasce da un contest fotografico lanciato due anni fa sui social dall’associazione Loto Odv, da sempre impegnata nel supporto e nella sensibilizzazione contro i tumori ginecologici; al contest hanno risposto in tantissimi: donne, uomini, pazienti, ex pazienti di tutte le età e da ogni parte d’Italia, ma anche semplici appassionati, ognuno inviando un’immagine che rappresenta la propria personale rinascita. Dopo una difficile selezione sono stati scelti gli scatti più significativi e ora la mostra si sposta nei vari ospedali dove è operativa Loto: ogni foto si trasforma così in un sorriso, una carezza, una parola di incoraggiamento per le persone che attraversano quei corridoi.

La mostra è il racconto di tante storie di persone che hanno vissuto la lotta al cancro come un percorso intimo – spiega Liviana Lombardi, responsabile del comitato territoriale Loto Odv Forlì - Da paziente posso dire che ogni persona che affronta la malattia vive una storia unica di coraggio, determinazione e resilienza. Queste immagini vogliono essere di ispirazione per tutti. Il nostro scopo è quello di sensibilizzare e informare le donne sui tumori ginecologi, e prendere per mano quelle che ricevono la diagnosi. Arricchire le sale d’aspetto degli ospedali con immagini di speranza e rinascita è un modo concreto per incoraggiare le pazienti.”.

Ed è chiarissimo il messaggio di Roberta, guarita dopo due tumori a tiroide e seno, ritratta con le sue cicatrici dorate sul corpo nudo nella foto simbolo della mostra: possiamo guarire e tornare a risplendere.

Loto Odv (lotonlus.org) è un'associazione non profit con l'obiettivo di colmare il vuoto informativo e di consapevolezza sui tumori ginecologici. Nasce nel 2013 a Bologna su iniziativa di un gruppo di pazienti e amici: oggi ha numerose sedi sul territorio nazionale e collabora con volontari, pazienti, famiglie, medici, istituti sanitari, enti di ricerca e testimonial. Con le sue attività Loto Odv supporta le donne affette dai tumori femminili garantendo accoglienza, orientamento, accompagnamento delle pazienti nei day hospital oncologici.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2024 alle 10:49 sul giornale del 08 marzo 2024 - 20 letture






qrcode